Passion, curiosity and method. ICCS interview with the Architect Giulio Cappellini

Passion, curiosity and method. ICCS interview with the Architect Giulio Cappellini

Leggi la versione italiana.

 

The International Furniture Trade Fair of Singapore (IFFS), the most important Asian event dedicated to design, is host to The Italian Hospitality, an exhibition-event dedicated to Made-in-Italy. The Italian Chamber of Commerce in Singapore, the promoter of the event, has taken the opportunity to speak of the present and future of Italian design with Giulio Cappellini, a world famous architect and the curator of the project.

 

An ambassador of excellence for Italian design in the world. A wonderful, and deserved, responsibility… What do people far away think of us?
The fascination of Italy, in the field of design and style, is never in doubt. The Middle East, the Far East and North America have long since stopped seeing us as pizza makers and mandolin players. In the field of food we are the best - I’d venture to say that we have overtaken the French haute cuisine -, while in fashion our taste and creativity continue to lead the way. In the field of design Italy still has enormous weight in the world, whether we are speaking of contemporary design or the recovery of products that have made design history. It's clear: there are a great number of companies, at global level, that manufacture excellent products, but the inspiration for their creation generally comes from Italian products. I am moderately optimistic, therefore. We still have some aces to play.

 

Also in the sector of Hospitality?
Yes. The contract market is fundamental for Italian companies. Today, rather than furnishing a private home, companies with the right cards aim at furnishing hotels, restaurants, airport lounges, offices, museums…
I wanted the name of The Italian Hospitality for the exhibition in Singapore because, inside a sort of grand hotel lounge that we have specially constructed for the event, we tell the story of Italy. An Italy that is a mix of classic and contemporary products with a minimum common denominator: the quality of the extraordinary industrial and craftsmanship excellences of our Country, excellences that must absolutely be safeguarded and promoted. The Italian touch in contract furnishing is much appreciated: lobbies, clubs, restaurants... This is an excellent occasion for all those companies that sell high quality products at high prices. To furnish a lounge, a common space or a public place also allows for bringing people into contact with the product, and it is therefore an important opportunity to promote a company's creations.

 

[Credits: cappellini.it]

 
With regard to craftsmanship and industrial excellences, the capacity to blend tradition and innovation is one of the salient features of Italian design. What does Asia seek in Made in Italy products? Craftsmanship or engineering?
Asia is fascinated by Italian products that have good technological research contents, especially in the use of materials. But what Asia buys is our human touch. A lot of time has been spent in Italy trying to industrialise craftsmanship, but now we are “crafting” industry. It's what I always say: a machine functions in the same way in China and in Italy, but the Italian craftsmanship touch is a fundamental detail that distinguishes our products.

 

Does Oriental Design fascinate you?
Yes. The Orient certainly has a great history, culture and tradition. In fact, in addition to contemporary art, I also collect ancient oriental objects. The Asians should never go far from their extraordinary DNA, from their great tradition, even when they get to grips with contemporary design. Every time they try to imitate Italian tradition, and I am speaking objectively, the result is not of the best. The Italy-Asia mix, however, is very interesting. Last year, in the Philippines, I visited some houses furnished with contemporary Italian products and historical oriental products: a really magnificent combination... But the DNA of the houses was clear. Every time I am in a room I have to understand whether I am in Milan, Singapore or New York. From the interior of a house, I have to recognise the DNA of the Country in which I find myself.

 

Architect, planner, professor, designer, writer…
I haven't decided yet what I want to be when I grow up!

 

…But also an entrepreneur. What has the entrepreneur Giulio Cappellini found in Singapore?
Singapore is a great hub for the entire Far East. The great planning firms that have offices in New York, London, Paris or Milan also have offices in Singapore. Singapore is the access to the Far East for all great creations. The Cappellini brand has an office in Singapore, with a dedicated person, because Singapore is the ideal base from which to move throughout the entire Asian market.

 

And, as an entrepreneur, how important is communication for design?
It is simply fundamental. It is very important to tell people the value of a product, and it is important to do it in the right way and with the right tools. Communication, if carried out well, is indispensable, especially when you are penetrating a relatively new country for a brand. Today these countries are a great source of opportunities for Italian companies, and it is therefore decisive to learn to communicate Made-in-Italy, and the value of Italian products and of Italian production.

 

[Credits: cappellini.it]

 

You are known for being a refined talent scout. Mendini, Newson, Lissoni - to name but a few - took their first steps towards international success with Cappellini. What do you look for and what strikes you in a young designer?
As I grow older, I increasingly feel the need to have curious and talented young people around me. I travel for about 200 days a year and I am often invited to Universities as a visiting professor. I also sit on the judging panels of several international design competitions, so I have the chance and the luck to come into contact with many young people.
Quite frankly, in the choice of the projects, I am very instinctive. I see an object, a prototype or a drawing and I say to myself: “I'd like to have that in my home.”
But apart from the single projects, in a young designer I always want to see great passion and an extremely professional approach. Without passion, curiosity and method, you get nowhere in this trade. And it is not true that everything has already been done in the field of design. There are still millions of beautiful things to be invented, millions of end consumers' needs to be satisfied, and millions of dreams to come true.

 

Need and beauty. Function and form...
Function and form. The designer's objective is to create objects that are a perfect balance between these two elements. And to do that, it is fundamental to be able to analyse the reality and to know how to intercept changes in lifestyle, in how we live and how we use space... The new generations that love design, and who therefore want to buy design pieces for their homes, live in 80 square metres in the centre of the cities: a good designer must take this into account and design products for those homes and for those people, not for the shop windows and showrooms. Young designers are always in a hurry to transform ideas into market products. But no: you should make few things, but make them well and, above all, avoid trying to create products that are too similar to those of the great masters. You have to follow the projects as if they were children: from the first idea to the creation of the final product. It's not enough to make a good render: you have to get your hands dirty, to go into the prototype workshop and follow the creation of the product step by step.

 

[Credits: cappellini.it]

 

You are also the curator of the collective exhibition “White in the City”, which will be held in Milan in the now imminent Design Week promoted by Oikos. We are used to associating Cappellini with colour…
But white is a colour! A house can be all white, but have a thousand shades that vary according to the texture and the materials. White is not a starting point, but the arrival: purity, relaxation, simplicity, cultured and refined... There's a desire for white. There is need of white. In addition white is a part of our history, of architecture, of art, of fashion... We must not consider white a non-colour: for me it has the same value as a good red, a good blue or a good yellow.

 

For “White in the City” the greatest architecture and design firms in the world answered your invitation, from Libeskind to Chipperfield, including Boeri. What will we see?
I asked friends, great architects, to create architecture fragments at various locations in Milan, including the fantastic Brera Art Gallery. Obviously I left them great freedom: everyone will express their own viewpoint in white. I myself have created an installation for the Art Gallery's courtyard of honour. I have also worked with the Academy students, who have created works of very great quality, always in white. So we will see a dialogue between the work of young talents and of universally recognised personages. White in the City is a very great commitment, but I'm very satisfied and I hope the project will be appreciated by the visitors.

 

Asia seems to be the future of Made in Italy design. But who is the designer of the future?
Whoever is able to interpret in an extraordinary way people's real needs, and therefore to design for people, with great passion and great quality, always ready to face competition.

 

And the entrepreneur of the future?
Whoever is able to sell anything and who knows that anything can be sold, but who chooses to sell beautiful things. Whoever understands that it is fundamental to work with a global vision of the company and count on quality, research and innovation, as well as on their communication. The entrepreneur of the future is someone who does not merely create products, but who instead creates a project for the company.

 


Thanks to Giulio Cappellini, Marilena Puppi and O.G.S.

 

 

______________________________________________________________________________________

 

 

PASSIONE, CURIOSITÀ E METODO. ICCS INTERVISTA L’ARCHITETTO GIULIO CAPPELLINI


La Fiera Internazionale del Mobile di Singapore (IFFS), il più importante appuntamento asiatico dedicato al design, accoglie The Italian Hospitality, mostra-evento dedicata al Made-in-Italy.

La Camera di Commercio Italiana a Singapore, promotrice dell’esperienza, ha colto l’occasione per parlare del presente e del futuro del design italiano con Giulio Cappellini, architetto di fama mondiale e curatore del progetto.

 

Ambasciatore di eccellenza del design italiano nel mondo. Una bellissima, oltre che meritata, responsabilità… Come ci vedono da lontano?
Il fascino dell’Italia, nel campo del design e dello stile, non è mai in dubbio. Middle East, Far East e Nord America hanno da tempo smesso di vederci come pizzaioli e suonatori di mandolino. Nel campo del food siamo i migliori —oserei dire che abbiamo sorpassato l’alta cucina francese—, mentre nella moda il nostro gusto e la nostra creatività continuano a dettare il passo. Nel campo del design l’Italia ha ancora un enorme peso nel mondo, sia che si parli di design contemporaneo che di recupero dei prodotti che hanno fatto la storia del design. Sia chiaro: ci sono tantissime aziende, a livello globale, che producono ottimi manufatti, ma l’ispirazione per la loro creazione viene generalmente presa dal prodotto italiano. Sono moderatamente ottimista, quindi. Abbiamo ancora molte carte da giocare.

 

Anche nel settore Hospitality?
Sì. Il mercato del contract è fondamentale per le aziende italiane. Oggi, più che ad arredare la casa privata, le aziende con le carte in regola per farlo puntano ad arredare alberghi, ristoranti, lounge aeroportuali, uffici, musei… 

Ho voluto dare il titolo The Italian Hospitality alla mostra di Singapore perché, all’interno di una sorta di lounge di grande albergo che abbiamo appositamente costruito per l’evento, raccontiamo l’Italia. Un’Italia che è un mix di prodotti classici e di prodotti contemporanei con un minimo comune denominatore: la qualità delle straordinarie eccellenze industriali ed artigiane del nostro Paese, eccellenze che vanno tassativamente salvaguardate e promosse. Il tocco italiano nel contract è molto apprezzato: lobby, club, ristoranti… Questa è un’ottima occasione per tutte quelle aziende che vendono prodotti di qualità e prezzo elevati. Arredare una lounge, uno spazio comune o un luogo pubblico permette inoltre di avvicinare le persone al prodotto, e costituisce quindi un momento di promozione importante per le creazioni di un’azienda.

[Credits: cappellini.it]

A proposito di eccellenze artigianali ed industriali, tra i tratti salienti del design italiano c’è proprio la capacità di coniugare tradizione ed innovazione. L’Asia cosa cerca nel Made in Italy? Artigianalità o ingegneria?
L’Asia è affascinata dai prodotti italiani che hanno buoni contenuti di ricerca tecnologica, soprattutto nell’uso dei materiali. Ma ciò che l’Asia compra è il nostro human touch. In italia si è passato molto tempo a cercare di industrializzare l’artigianato, mentre ora si sta giustamente “artigianalizzando” l’industria. Lo dico sempre: una macchina funziona nello stesso modo in Cina e in Italia, ma il tocco dell’artigiano italiano è un dettaglio fondamentale che contraddistingue i nostri prodotti.

 

L’Oriental Design la affascina?
Sì. L’Oriente ha indubbiamente una grandissima storia, cultura e tradizione. Io infatti, oltre a collezionare arte contemporanea, colleziono oggetti antichi orientali. Gli asiatici non dovrebbero mai allontanarsi troppo dal loro straordinario DNA, dalla loro grande tradizione, neppure quando si cimentano col design contemporaneo. Ogni volta che cercano di imitare la tradizione italiana, parlo obiettivamente, il risultato non è dei migliori. Il mix Italia-Asia invece è molto interessante. L’anno scorso, nelle Filippine, ho visitato alcune case arredate con prodotti italiani contemporanei e prodotti storici orientali: un connubio davvero magnifico… Ma il DNA delle abitazioni era chiaro. Ogni volta che mi trovo in una stanza devo poter capire se sono a Milano, a Singapore o a New York. Dagli interni di una casa, devo poter riconoscere il DNA del Paese in cui mi trovo.

 

Architetto, progettista, professore, designer, scrittore…
Non ho ancora scelto cosa fare da grande!

 

…Ma anche imprenditore. Cosa ha trovato l’imprenditore Giulio Cappellini a Singapore?

Singapore è un grandissimo hub per tutto l’Oriente. I grandi studi di progettazione che hanno sede a New York, Londra, Parigi o Milano hanno anche una sede a Singapore. Singapore è la porta d’accesso per tutte le grandi realizzazioni nel Far East. Il brand Cappellini ha un ufficio a Singapore, con una persona dedicata, perché Singapore è la base ideale per muoversi in tutto il mercato asiatico.

 

E, da imprenditore, quanto conta la comunicazione nel design?
È semplicemente fondamentale. È molto importante raccontare alle persone il valore di un prodotto, ed è importante farlo nel modo e con gli strumenti giusti. La comunicazione, quella fatta bene, è indispensabile soprattutto quando si vanno ad intercettare Paesi relativamente nuovi per un brand. Oggi questi Paesi sono un grande serbatoio di opportunità per le realtà italiane, ed è quindi determinante imparare a comunicare il Made-in-Italy, nonché il valore dei prodotti e della produzione italiani.

 

[Credits: cappellini.it]

 

Lei è noto per essere un raffinato talent scout. Mendini, Newson, Lissoni —solo per citarne alcuni— hanno mosso con Cappellini i primi passi verso il successo internazionale. Cosa cerca e cosa la colpisce in una giovane o in un giovane designer?
Andando avanti con l’età sento sempre di più l’esigenza di avere intorno a me dei giovani curiosi e talentuosi. Sono in viaggio circa 200 giorni all’anno e vengo spesso invitato nelle università come visiting professor. Presenzio anche nei comitati di valutazione dei diversi concorsi di design internazionali, quindi ho la possibilità e la fortuna di entrare in contatto con tantissimi giovani.
Sinceramente, nella scelta dei progetti, sono molto istintivo. Vedo un oggetto, un prototipo o un disegno e mi dico: “vorrei averlo a casa mia.”

Ma al di là del singolo progetto, in un giovane designer voglio sempre riconoscere una grande passione e un approccio estremamente professionale. Senza passione, curiosità e metodo non si fa nulla nel nostro mestiere. E non è vero che nel design è stato fatto tutto. Ci sono ancora milioni di cose belle da inventare, milioni di esigenze del consumatore finale da soddisfare e milioni di sogni da realizzare.

 

Esigenza e bellezza. Funzione e forma…
Funzione e forma. L’obiettivo del designer è creare oggetti che siano in perfetto equilibrio tra questi due elementi. E per farlo, è fondamentale saper analizzare la realtà e saper intercettare i cambiamenti: nello stile di vita, nel modo di abitare e vivere gli spazi… Le nuove generazioni che amano il design, e che quindi vogliono acquistare pezzi di design per la casa, vivono in 80mq nei centri delle città: un buon designer deve tenerlo in conto e disegnare prodotti per quelle case e per quelle persone, non per le vetrine degli showroom. Tra i giovani designer c’è sempre fretta di tradurre velocemente le idee in prodotti di mercato. Invece no: bisogna fare poche cose, ma farle bene e, soprattutto, evitare di ricreare prodotti troppo simili a quelli dei grandi maestri. Bisogna seguire i progetti come fossero bambini: dalla prima idea alla realizzazione del prodotto finale. Non basta fare un bel render: bisogna sporcarsi le mani, andare nei laboratori di prototipia e seguire passo dopo passo la realizzazione del prodotto.

 

[Credits: cappellini.it]

 

È sua anche la curatela della mostra collettiva “White in the City”, che si terrà a Milano durante l’ormai imminente Design Week con la promozione di Oikos. Siamo abituati ad associare Cappellini al colore…

Ma il bianco è un colore! Una casa può essere tutta bianca, ma avere mille sfumature che variano a seconda delle texture e dei materiali. Il bianco non è un punto di partenza, ma di arrivo: purezza, relax, essenzialità colta e raffinata… C’è voglia di bianco. C’è bisogno di bianco.

Inoltre il bianco fa parte della nostra storia, dell’architettura, dell’arte, del fashion… Non dobbiamo considerare il bianco un non-colore: per me ha la stessa valenza di un bel rosso, di un bel blu o di un bel giallo.

 

Per “White in the City” hanno risposto alla sua chiamata i più grandi studi di architettura e design del mondo, da Libeskind a Chipperfield, passando per Boeri. Cosa vedremo?
Ho chiesto a degli amici, grandi architetti, di realizzare in diverse location di Milano, tra cui la stupenda Pinacoteca di Brera, dei frammenti di architetture. Ho ovviamente lasciato loro grande libertà: ognuno esprimerà il proprio punto di vista sul bianco. Io stesso ho progettato un’installazione per il cortile d’onore della Pinacoteca. Ho anche lavorato con gli studenti dell’Accademia, i quali hanno realizzato opere di grandissima qualità, sempre declinate sul tema del bianco. Assisteremo quindi ad un dialogo tra opere di giovani talenti e opere di personaggi universalmente riconosciuti. White in the City è un grandissimo impegno, ma sono molto soddisfatto e spero il progetto sarà apprezzato dai visitatori.

 

L’Asia sembra essere il futuro del design Made in Italy. Ma chi è il designer del futuro?
Chi sa interpretare in modo straordinario i reali bisogni della gente, e quindi disegnare per le persone con grande passione e con grande qualità, rimettendosi sempre in discussione.

 

E l’imprenditore del futuro?
Chi sa vendere tutto e sa che tutto si può vendere, ma sceglie di vendere le cose belle. Chi capisce che è fondamentale lavorare su una visone globale d’azienda e puntare sulla qualità, sulla ricerca e sull’innovazione, nonché sulla loro comunicazione. L’imprenditore del futuro è chi non si limita a creare prodotti, puntando invece a creare un progetto d’azienda.



Grazie a Giulio Cappellini, Marilena Puppi e O.G.S.

august

    Highlights

    Registration Form

    To download the members directory you have to register using this form.









    All fields are mandatory.